FONDIMPRESA Avviso 2/2012

Sostegno alla presentazione dei piani formativi sul  Conto Formazione delle PMI aderenti a Fondimpresa

fondimpresa logo

Chi può chiedere il contributo

Possono beneficiare del  contributo  aggiuntivo  di Fondimpresa  esclusivamente le  aziende  aderenti che rispettano, alla data di presentazione del Piano per cui richiedono il contributo aggiuntivo del Fondo, tutte le condizioni di seguito indicate:

  1. adesione a Fondimpresa già efficace ai sensi dell’art. 118 della L. 19.12.2000 n. 388 e  s.m. e delle disposizioni di attuazione del Ministero del Lavoro e dell’INPS, senza che sia  intervenuta  revoca o cessazione. Fanno fede, al riguardo, esclusivamente i dati di  adesione comunicati dall’INPS a Fondimpresa per via telematica;
  2. presenza di  un saldo attivo sul proprio Conto Formazione presso Fondimpresa, risultante  dalla somma degli importi effettivamente disponibili su tutte le matricole INPS per cui  l’azienda ha aderito al Fondo. Il saldo attivo sul Conto Formazione non è richiesto per le aziende che abbiano effettuato  l’adesione a Fondimpresa nel periodo compreso tra il 1° marzo 2012 e il 28 febbraio 2013. Fa fede, al riguardo, esclusivamente la data di adesione comunicata dall’INPS a Fondimpresa per via telematica;
  3. possesso  delle credenziali di accesso all’area riservata per la presentazione dei piani  formativi del  Conto  Formazione, a seguito della registrazione sul portale  web  di Fondimpresa;
  4. appartenenza alla categoria comunitaria  delle PMI
  5. non avere ottenuto, a qualsiasi titolo, un contributo aggiuntivo del Conto di Sistema alle risorse del Conto Formazione sul presente Avviso e su altri Avvisi di Fondimpresa che ne  prevedono  la concessione  e assumere l’impegno a non farne richiesta dopo la  presentazione del Piano sul presente Avviso fino alla sua scadenza;

Destinatari della formazione

La partecipazione ai Piani  finanziati nell’ambito dell’Avviso  è riservata ai lavoratori occupati nelle imprese aderenti in possesso di tutti i requisiti di accesso previsti dall’Avviso; possono essere  inclusi i lavoratori con contratti di inserimento o reinserimento e i lavoratori a tempo determinato con ricorrenza  stagionale, anche nel periodo in cui non sono in servizio. Non possono essere destinatari del  Piano finanziato con il presente Avviso gli apprendisti, i lavoratori posti in cassa integrazione  guadagni, anche in deroga, i lavoratori con contratti di solidarietà.

Presentazione

Dal 3 settembre 2012 fino al 31 luglio 2013.

Intensità contributo aggiuntivo

  • contributo aggiuntivo fino ad euro 3.000,00 per le aziende aderenti con “Totale Maturando” pari o
    inferiore a 3.000,00 euro;
  • contributo aggiuntivo non superiore al “Totale Maturando” dell’azienda proponente, fino ad  un
    importo massimo di 8.000,00 euro, se il “Totale Maturando” è maggiore di 3.000,00 euro.

Costi ammissibili al finanziamento

I costi ammissibili nel preventivo finanziario di ciascun Piano formativo sono esclusivamente quelli riportati nella “Guida alla gestione e rendicontazione dei Piani Formativi Aziendali – Conto Formazione”, con i relativi parametri.
Il Piano formativo non può superare, sia a preventivo che a consuntivo, il costo massimo per ora di corso di euro 165,00 (centosessantacinque),  calcolato dividendo  il costo totale del Piano (al netto delle voci di spesa B e V2) per la somma delle ore delle azioni formative valide del Piano (“ore corso” delle azioni formative valide risultanti dal sistema informatico di Fondimpresa)
Il Piano formativo deve altresì rispettare, sia a preventivo che a consuntivo,  il costo massimo  di euro 1.000,00 (mille) per partecipante,  calcolato dividendo il costo totale del Piano per la  somma di tutti i lavoratori partecipanti alle azioni formative valide del Piano, risultanti dal  sistema informatico di Fondimpresa. Nel conteggio di tale parametro a consuntivo si  considerano solo i partecipanti effettivi (frequenza pari o superiore al 65% delle ore di corso previste) alle azioni formative valide.  Le  spese per le
azioni con  voucher  formativo,  e i relativi partecipanti, non concorrono alla determinazione del costo per partecipante del Piano.
Allo scopo di favorire l’acquisizione di qualificati servizi di supporto alla predisposizione e alla presentazione dei Piani formativi da parte delle piccole imprese aderenti, per la sola voce  di spesa “C.   –   Attività preparatorie e di  accompagnamento”  viene riconosciuta una percentuale massima di spesa del 30%,  sul costo totale del Piano al netto delle spese per i  voucher  formativi,  in deroga  rispetto  al  parametro  ordinario  indicato  nella “Guida”, per lo  sviluppo delle diverse attività di progettazione formativa.
ell’ambito dei Piani non è richiesto l’apporto privato delle aziende proponenti. Pertanto i  costi relativi al personale in formazione di cui alle voci B e V2  non devono essere previsti e non possono essere  imputati tra le spese del Piano.  Il Preventivo e il Rendiconto che espongono erroneamente tali costi devono essere ripresentati in forma corretta.