Fondi interprofessionali: cosa sono e come funzionano

La completa spiegazione di cosa sono i fondi paritetici interprofessionali, a cosa servono e come funzionano.

I principali fondi interprofessionali

La lista dei principali organismi nazionali di formazione continua.

I principali fondi interprofessionali

La lista dei principali fondi interprofessionali operativi in Italia.

Grazie per esserti iscritto alla nostra newsletter.
Ops! Qualcosa è andato storto.

F.A.Q. - Fondi interprofessionali

Quali aziende possono aderire ai fondi paritetici interprofessionali?

Possono aderire ai fondi interprofessionali tutte le aziende italiane, a prescindere dal settore e dalla classe dimensionale, che al momento dell’adesione abbiano almeno un lavoratore soggetto all’obbligo di versamento dello 0,30% del monte contributivo INPS.

L’adesione ai fondi interprofessionali è veramente gratuita per le aziende?

Certamente! Le aziende aderenti non devono sostenere alcun costo per aderire a un fondo interprofessionale e ciò è dovuto al fatto che i fondi acquisiscono le risorse economiche da accantonare direttamente dalla quota dello 0,30% (quota che ogni azienda versa obbligatoriamente all’Inps ogni mese come contributo obbligatorio per ciascun dipendente). Quando un’impresa decide di aderire a un fondo interprofessionale, automaticamente l’Inps verserà quella quota al fondo e l’azienda avrà la garanzia certa che quanto versato ritornerà nelle casse aziendali come attività di formazione continua per il proprio personale dipendente.

Come faccio a sapere se la mia azienda è già aderente a qualche fondo interprofessionale?

Se non si è sicuri che l’impresa aderisca o meno ad un Fondo Interprofessionale o si vuole verificare a quale Fondo appartenga, basta visualizzare il “Cassetto Previdenziale” sul sito dell’Inps (accedendo al sistema web con le chiavi di accesso dell’impresa) e guardare la sezione “Fondi Interprofessionali” dove ci sarà l’indicazione del Fondo di appartenenza e del periodo di competenza a partire dal quale l’azienda risulta aderente.

È possibile revocare l'adesione a un fondo interprofessionale per passare ad un altro?

Sì, la mobilità tra i fondi interprofessionali è possibile ed è sufficiente revocare l’adesione al Fondo precedentemente scelto e aderire a quello nuovo.

Ho un’azienda agricola, come devo fare per aderire a un fondo interprofessionale?

Per le Aziende Agricole l’adesione si deve effettuare con la procedura di dichiarazione trimestrale DMAG-Unico, nella quale è stata implementata un’apposita funzione, denominata “Fondi Interprofessionali“. Attraverso tale funzione, le aziende potranno indicare diverse scelte (adesione, revoca o mobilità tra i Fondi) ogni trimestre e gli effetti di tali scelte decorreranno dal trimestre nel quale vengono stabilite, anche in caso di modelli DMAG tardivi, relativi quindi a competenze pregresse. La funzione “Fondi Interprofessionali” è quindi fruibile ogni trimestre durante il periodo in cui è attivo il servizio di ricezione telematica dei modelli DMAG. L’adesione non deve essere ripetuta nei trimestri successivi o negli anni futuri in quanto risulta valida fino ad esplicita revoca. Può invece essere proposta ogni trimestre, la revoca e l’eventuale adesione ad un nuovo Fondo (mobilità tra fondi). La procedura da seguire per aderire ad un Fondo specifico è la seguente: dal sito web dell’Inps predisposto per le imprese agricole, entrare con utente e password; dal menu a sinistra “Gestioni Speciali” selezionare “Fondi Interprofessionali“; cliccare sul tasto “Nuova Adesione“; nella sezione “Inserimento Adesione“, alla voce “Selezionare il Fondo Interprofessionale”, nella lista scegliere il codice del fondo al quale si vuole aderire. Per il DMAG non è necessario indicare il numero dei dipendenti. Revoca con DMAG-Unico: sempre nel sito web dell’inps e dal menu a sinistra “gestioni speciali” selezionare “Fondi interprofessionali”, scegliere “Revoca” e infine adesione al nuovo Fondo scelto.