Sistri per le imprese – Nuova Circolare

Sistri-novita

Decretata la partenza del Sistri per le imprese , ovvero il sistema di gestione informatica per la registrazione dei movimenti di carico e scarico dei rifiuti,con ulteriori specificazioni tramite una nuova Circolare del Ministero dell’ Ambiente.

Il Sistri per le imprese : partenza e nuova circolare

Sono obbligati ad iscriversi al Sistri per le imprese :

  • i produttori iniziali di rifiuti pericolosi e gli enti
  • le aziende che raccolgono o trasportano rifiuti pericolosi a titolo professionale
  • le aziende che effettuano attività di trattamento, recupero, smaltimento, commercio e intermediazione di rifiuti pericolosi, 
  • i nuovi produttori (definiti come chiunque effettui operazioni di pretrattamento, di miscelazione o altre operazioni che modifichino la composizione dei rifiuti).
  • gli operatori esteri  che operano sul territorio nazionale con riguardo alla raccolta e al trasporto di rifiuti speciali pericolosi;
  • in caso di trasporto intermodale, ai soggetti ai quali sono affidati i rifiuti speciali pericolosi in attesa della presa in carico degli stessi da parte dell’azienda navale o ferroviaria o dell’azienda che svolge il successivo trasporto

Assenza di obbligo di iscrizione al Sistri per le imprese

  • aziende che producono, trasportano o gestiscono solamente rifiuti non pericolosi, indipendentemente dal numero degli addetti presenti.

 Operatività del Sistri per le impreseSistri per le imprese

  • 1° ottobre 2013per gestori, trasportatori professionali, commercianti ed intermediari di rifiuti pericolosi nonché per i nuovi produttori (definiti come chiunque effettui operazioni di pretrattamento, di miscelazione o altre operazioni che modifichino la composizione dei rifiuti);
  • 3 marzo 2014 per i produttori iniziali di rifiuti pericolosi  per i Comuni e le imprese di trasporto dei rifiuti urbani del territorio della regione Campania.

Modalità di coordinamento tra obblighi dei soggetti iscritti al Sistri e obblighi dei soggetti non iscritti al Sistri per le imprese

I produttori iniziali di rifiuti speciali pericolosi che non aderiscono su base volontaria al Sistri, adempiono ai propri obblighi con le seguenti modalità:

  • i produttori iniziali comunicano i propri dati, obbligatori per la compilazione della “Scheda Sistri — Area Movimentazione”, al referente dell’azienda di trasporto
  • il gestore dell’impianto di smaltimento dei rifiuti deve stampare e trasmettere al produttore dei rifiuti stessi la copia della Scheda Sistri — Area Movimentazione completa

Sanzioni previste

  • in caso di informazioni incomplete o inesatte nella compilazione del registro cronologico o della scheda area movimentazione;
  • i trasportatori che non accompagnano il trasporto con la copia cartacea della scheda di movimentazione.

Decorrenza Sanzioni

In riferimento alle sanzioni, il Ministero precisa che per i primi dieci mesi di operatività del Sistri per le imprese, a partire dal 1° ottobre 2013, nei confronti dei soggetti obbligati ad aderire al Sistri non trovano applicazione le sanzioni previste dagli articoli 260-bis e 260-ter, del D.Lgs. n. 152/2006, relative agli adempimenti del Sistri.

In questo modo, per il periodo di moratoria delle sanzioni del Sistri, gli operatori saranno tenuti, oltre che ad effettuare gli adempimenti del Sistri(qualora a ciò obbligati, secondo le diverse decorrenze sopra indicate), a tenere i registri di carico e scarico, a redigere i formulari di trasporto ed a compilare la dichiarazione annuale al catasto dei rifiuti, secondo le previsioni previgenti al Sistri.

Per ulteriori dettagli visitare il sito del Ministero dell’Ambiente